Torino e solidarietà: ospita a casa tua un rifugiato politico

A Torino le strutture di accoglienza non sono sufficienti. La Tenda Onlus e il Comune di Torino propongono un importante progetto di ospitalità. Si prevede un rimborso spese alle famiglie di € 300 mensili

L' associazione La Tenda Onlus in collaborazione con il Comune di Torino propone un importante progetto di ospitalità per i rifugiati politici.

Si prevede un rimborso spese alle famiglie di € 300 mensili, a copertura parziale dei costi previsti per l’ospitalità.  I rifugiati con asilo politico e protezione sussidiaria sono persone costrette a scappare dal proprio paese poiché la propria vita è in pericolo.

A Torino le strutture di accoglienza non sono sufficienti. Proprio per questo motivo si è deciso di proporre alle famiglie (coppie sposate con o senza figli, coppie conviventi con o senza figli, single con o senza figli) di ospitare un rifugiato per 12 mesi.

Le famiglie offrono al rifugiato vitto e alloggio, collaborando con l’Associazione di riferimento e con l’Ufficio Stranieri di Torino nell’accompagnamento e nel supporto al percorso di crescita del rifugiato. L’obiettivo è l’autonomia e l’integrazione dei rifugiati. Se interessati a ospitare un rifugiato o ad avere maggiori informazioni contattate l'associazione La Tenda Onlus.

Info:
La Tenda Onlus
via Botero 2 – Torino
Tel. 011/5622165 (lunedì dalle 15.00 alle 17.00 e mercoledì dalle 9.00 alle 11.00)
E-mail: ass.la_tenda@yahoo.it
Sito: www.associazionelatenda.net

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel palazzo del centro cittadino: uomo si uccide gettandosi nel vuoto

  • Ventiquattro ore dopo, nuovo dramma in autostrada: morto un 26enne

  • Scende dall'auto dopo un incidente e viene travolto da un'altra vettura: morto

  • Sbanda con l'auto e finisce contro il guardrail: morta una donna

  • Precipita dal quarto piano mentre fa lavori in casa: morto dopo l'arrivo in ospedale

  • Abbandona un sacco lungo la strada: “pizzicato” dalle telecamere e sanzionato dai vigili

Torna su
TorinoToday è in caricamento