Chieste pene fino a 7 anni per il crollo al Liceo Darwin di Rivoli

Nel dicembre 2008 Vito Scafidi, 17 anni, perse la vita e un suo compagno di classe, Andrea Macrì, ha riportato lesioni gravissime a causa del crollo del controsoffitto della classe

Pene fino a sette anni. Le hanno richieste i pubblici ministeri  Laura Longo e Francesca Traverso per i presunti responsabili del crollo, il 22 novembre 2008, nel liceo 'Darwin' di Rivoli. Vito Scafidi, 17 anni, perse la vita quella mattina, e un suo compagno di classe, Andrea Macrì, ha riportato lesioni gravissime.

Per i quattro funzionari della Provincia i pm Longo e Traverso hanno formulato anche la richiesta di interdizione dai pubblici uffici: tre anni e otto mesi per Michele Delmastro, tre anni e tre mesi per Sergio Moro, Enrico Marzilli e Massimo Masino. "Gli elementi di cui abbiamo tenuto conto - ha detto il pm Longo - sono il danno cagionato, ossia il fatto che un ragazzo sia morto e un altro sia rimasto gravemente menomato, il pericolo corso dall'intera classe e il fatto che tutti gli imputati ben sapevano di custodire nelle proprie mani l'incolumità di ragazzi nel fiore degli anni".

Non per tutti gli imputati sono ipotizzate le stesse responsabilità. "La differenza nelle richieste di pena dipende dalla singola posizione occupata da ognuno e dal tempo per cui questa é stata coperta". All'udienza nel tribunale di Torino hanno assistito in aula i genitori di Vito Scafidi, Fortunato e Cinzia, la sorella Paola e Andrea Macrì, ridotto su una sedia a rotelle dopo l'incidente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: Ansa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

  • Torino, "Ti amo" urlato ai quattro venti: tutta la piazza e la città ora lo sanno

  • Riscaldamento: le date per l'accensione dei termosifoni

  • Tragico schianto in autostrada sulla Torino-Savona: due operai torinesi morti

  • Coronavirus: ordinanza Piemonte, stop agli alcolici dopo le 21 e attività chiuse a mezzanotte

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento