Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Processo No Tav: 46 imputati, 61 agenti costituiti parti civili

Sono sessantuno gli uomini delle forze dell'ordine che hanno chiesto di costituirsi parte civile all'udienza preliminare a carico di 46 attivisti No Tav per gli scontri in Valle di Susa dell'estate scorsa

Nell'udienza preliminare, che si è aperta questa mattina a Torino per gli scontri avvenuti nell'estate scorsa a Chiomonte, sessantuno, tra poliziotti e finanzieri, si sono costituiti parte civile. Imputati 46 attivisti No Tav.

Le richieste di costituzione di parte civile sono giunte dai sindacati Sap, Ugl polizia, Sialp, Siulp e, per quel che riguarda la Guardia di finanza, il Cobar. Anche la Ltf, a società italo-francese che cura la realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione, ha avanzato la richiesta, così come i curatori fallimentari di Italcoge, impresa edile che svolgeva dei lavori e che lamenta danni alle attrezzature.


Gli avvocati difensori hanno aperto l'udienza preliminare con una serie di questioni di procedura sollevate legate a quelle che vengono definite irregolarità nella notifica degli atti. Dei 46 indagati, tre sono tuttora agli arresti e seguono l'udienza nella gabbia riservata ai detenuti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo No Tav: 46 imputati, 61 agenti costituiti parti civili

TorinoToday è in caricamento