Cronaca

Grinzane Cavour, al via il processo: Giuliano Soria chiede il patteggiamento

L'ex patron è imputato per presunte malversazioni di contributi pubblici e per angherie al maggiordomo. E' stata quantificata in 924mila euro la somma ottenuta indebitamente da Soria

Chiede nuovamente il patteggiamento Giuliano Soria, l'ex patron del premio letterario Grinzane Cavour imputato per le presunte malversazioni dei contributi pubblici e per le angherie cui, secondo l'accusa, sottoponeva il suo giovane maggiordomo Nitish, originario delle isole Mauritius, che lo accusa di violenza sessuale.

All'apertura del processo, questa mattina al Tribunale di Torino, i suoi avvocati hanno proposto 4 anni e 3 mesi (con il condono di dodici mesi) ma i pm hanno dato subito parere contrario. Oltre a Giuliano Soria la causa riguarda anche il fratello Angelo, ex funzionario della Regione Piemonte, e il cuoco, Bruno Libralon, presidente della scuola internazionale per chef Icif.


Fra le costituzioni di parte civile figurano quelle del ministero dei beni culturali e dell'Agenzia per le Entrate.  Il ministero ha quantificato in 924mila euro la somma ottenuta indebitamente da Soria: è la differenza tra quanto Soria aveva ricevuto di contributi e le spese rendicontate dal premio letterario Grinzane-Cavour. L'Agenzia delle entrate ha calcolato un danno erariale per conti evasi e sanzioni di 533 mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grinzane Cavour, al via il processo: Giuliano Soria chiede il patteggiamento

TorinoToday è in caricamento