Cronaca

Processo Eternit, c'è la sentenza: condannati a 16 anni i due imputati

Schmidheiny e De Cartier sono stati condannati dal Tribunale di Torino a 16 anni di carcere ciascuno alla fine del processo Eternit. I due rispondevano di disastro doloso e rimozione di cautele

Il miliardario svizzero Stephan Schmidheiny e il barone belga Louis De Cartier sono stati condannati dal Tribunale di Torino a 16 anni di carcere ciascuno alla fine del processo Eternit. I due rispondevano di disastro doloso e rimozione di cautele.

Schmidheiny, miliardario svizzero di 64 anni, era imputato insieme al barone belga Louis de Cartier, 90 anni, di disastro ambientale doloso e omissione dolosa di cautele antinfortunistiche.

Erano dirigenti della multinazionale svizzera Eternit, l'accusa aveva chiesto una condanna a 20 anni di reclusione. Il processo è durato oltre due anni e si è articolato in 65 udienze.

Ai dirigenti sono contestate le morti di 2.100 persone e le malattie che hanno colpito altre 800 persone nelle zone degli stabilimenti di Casale Monferrato (Alessandria), Cavagnolo (Torino), Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli). Le parti civili che si sono costituite in giudizi sono oltre seimila. Alla lettura della sentenza alcuni parenti delle vittime sono scoppiati in lacrime. (ANSA)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo Eternit, c'è la sentenza: condannati a 16 anni i due imputati

TorinoToday è in caricamento