rotate-mobile
Cronaca

Teksid: aperto il processo contro i 9 dirigenti, la Fiom parte civile

Si è aperto il processo contro i dirigenti della ex fabbrica siderurgia torinese. Le accuse sono di lesioni e omicidio colposo per la morte di 15 operai tra il '78 e l'89

Ieri ha preso il via il processo che vede imputati nove dirigenti della ex Teksid, ex colosso della siderurgia torinese, per lesioni e omicidio colposo per la morte di 15 operai e la grave malattia che ha colpito altri due a causa dell'esposizione prolungata all'amianto. Si sono costituiti parte civile l'Inail, la Fiom-Cgil e i familiari di 11 operai che lavoravano nello stabilimento di corso Mortara, a Torino.


Gli operai morirono per tumori polmonari, mesoteliomi e silicosi, e uno è ammalato. I fatti, secondo il pubblico ministero Gianfranco Colace, riguardano il periodo compreso tra il 1978 e il 1989. L'accusa, in particolare, contesta ai dirigenti la presenza di impianti di aspirazione non a norma, che avrebbero provocato l'esposizione al pericoloso minerale. Nell'udienza di oggi le difese hanno contestato la costituzione della Fiom quale parte civile, ma il gup ha respinto l'istanza e ammesso il sindacato. (Fonte Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teksid: aperto il processo contro i 9 dirigenti, la Fiom parte civile

TorinoToday è in caricamento