In preda a un raptus devasta due cimiteri: per lui comincia il processo

Ha profanato anche cadaveri

immagine di repertorio

Un 44enne italiano di Caluso è a processo in questi giorni, a fine febbraio 2018, in tribunale a Ivrea per avere profanato le tombe dei cimiteri del suo paese e di Mazzé nel 2008. 

Allora aveva danneggiato una ventina di tombe (loculi, in terra e anche di famiglia), sradicato croci, distrutto lumini e altro materiale e anche profanato alcuni cadaveri, strappando una tibia a uno di questi e lanciandola a terra. Tutto per un raptus, aveva raccontato ai carabinieri che lo avevano individuato e denunciato dopo l'accaduto, grazie anche a una bottiglia di vino che aveva abbandonato sul luogo del misfatto. "Non so che cosa mi sia preso - aveva raccontato - dopo che ero andato a trovare un mio amico morto".

Difeso dall’avvocato Leo Davoli, l'uomo è accusato dei reati di vilipendio di cadavere e danneggiamento.

A decidere sulla sua condotta sarà il giudice monocratico Mariaclaudia Colangelo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel palazzo del centro cittadino: uomo si uccide gettandosi nel vuoto

  • Ventiquattro ore dopo, nuovo dramma in autostrada: morto un 26enne

  • Scende dall'auto dopo un incidente e viene travolto da un'altra vettura: morto

  • Sbanda con l'auto e finisce contro il guardrail: morta una donna

  • Precipita dal quarto piano mentre fa lavori in casa: morto dopo l'arrivo in ospedale

  • Sedato sull'ambulanza, si soffoca col vomito e poi muore in ospedale: inchiesta aperta

Torna su
TorinoToday è in caricamento