Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca San Sebastiano da Po / Via Camillo Benso Conte di Cavour

La rissa di San Sebastiano da Po era in realtà una spedizione punitiva dopo un'eredità: in 18 a processo

Tra gli imputati c'è anche la vittima

Ci sono 18 persone a processo per la rissa, che in realtà era stata una spedizione punitiva di una famiglia contro un'altra, avvenuta il 1° luglio 2018 in via Cavour a San Sebastiano da Po e in cui erano rimasti feriti anche tre carabinieri intervenuti per sedarla. Solo uno degli imputati ha scelto il patteggiamento, mentre gli altri 17 affronteranno giudizi ordinari o abbreviati. Devono rispondere, a vario titolo, di rissa, danneggiamento, lesioni e minacce. Tutti gli imputati abitano tra Lauriano e San Sebastiano da Po.

A scatenare la violenza e la devastazione era stata un'eredità di beni per 580mila euro circa, tra cui appunto la villa di via Cavour che venne devastata, insieme a una Fiat Punto, quel giorno con l'utilizzo di bastoni e accette dalla fazione che si riteneva penalizzata dall'eredità. Il proprietario, un italiano di Lauriano che oggi ha 51 anni e aveva ereditato l'immobile dalla madre, fu tra i cinque arrestati dai carabinieri e venne condannato con gli altri per resistenza nel successivo processo con rito direttissimo. Oggi, insieme alla moglie e alla figlia 14enne (rimasta ferita al volto nel corso dell'assalto), è parte civile nei processi ma anche imputato solo per il reato di rissa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La rissa di San Sebastiano da Po era in realtà una spedizione punitiva dopo un'eredità: in 18 a processo

TorinoToday è in caricamento