Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca Aurora / Via Alimonda

"I nostri giardini pieni di ubriachi". Ecco l’ultima denuncia da Aurora

Tra corso Vercelli e le sponde della Dora è allarme per il viavai dei beoni. Le panchine sono sempre occupate e di tanto in tanto ci scappa anche una rissa. Un problema sollevato dal quartiere ma ad oggi ancora irrisolto

La bottiglia in una mano e il bicchiere nell’altra. I beoni che dal mattino alla sera stazionano tra corso Giulio e corso Vercelli, davanti alla sede della circoscrizione Sette, hanno in comune una sola cosa, la passione per l’alcool, il vino e la birra. Un giardino diventato giorno dopo giorno un ritrovo per i disperati e per gli amanti del bivacco più che un luogo dove portare a giocare i propri figli. Già dalle prime ore del mattino è possibile vedere i primi zombie far capolinea sulle panchine che all’ora di pranzo risultano piene di cartocci di vino e bottiglie di birra rigorosamente vuote.

Una sorte identica per i prati, vere e proprie discariche non autorizzate. Per non parlare dell’area per skater dove le attrezzature vengono occupate dai barboni che le usano per ripararsi dal freddo pungente.
 
Un quadro che non può sicuramente rappresentare l’ideale per le famiglie di Aurora che raramente scelgono di portare i loro bambini sullo scivolo o sull’altalena di quel giardino. "E’ sempre pieno di ubriachi – racconta una donna in attesa dell’autobus -. Normale che la gente preferisca andare altrove. Spesso sono in tanti, basta uno sguardo di troppo e cominciano ad insultarti e qui nessuno vuole avere discussioni".



Ma anche spostandosi di qualche metro il risultato non cambia, come in via Alimonda o presso le sponde del degrado. E quando il freddo si fa sentire anche loro, gli irriducibili dal bicchiere facile, lasciano l’amato giardino in cerca di un altro punto di ristoro, magari un bar di quelli che tengono aperto fino ad oltranza. E tra corso Giulio Cesare e corso Vercelli rimangono solo più i resti dei loro passaggi. I sacchetti di nylon sparsi a terra, i cartocci di vino di bassa qualità e le decine di lattine di birra consumate senza sosta tra una panchina e l’altra. "E’ una vergogna ma i nostri giardini sono inutilizzabili dai bambini – dichiara la consigliera del Pdl Patrizia Alessi -. Gli ubriaconi ormai sostano giorno e notte davanti alle aree verdi costringendo le persone per bere a emigrare altrove".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"I nostri giardini pieni di ubriachi". Ecco l’ultima denuncia da Aurora

TorinoToday è in caricamento