Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca Vanchiglia / Piazza Santa Giulia

Il mercato di Vanchiglietta chiede l'accorpamento. "L'attuale divisione non va più bene"

Gli ambulanti di piazza e via Santa Giulia hanno incontrato il Comune di Torino. Con loro anche il coordinatore al Commercio della circoscrizione Sette

Riqualificato solo pochi anni fa il mercato di Santa Giulia, quartiere Vanchglietta, torna ad alzare bandiera bianca e a chiedere aiuto. Il progetto di dividere i banchi, disperdendoli tra via Balbo, corso Regina e via Giulia di Barolo, si è rivelato a lungo andare un vero e proprio autogol. Ai cittadini la differenziazione delle merci non è mai andata giù e con il tempo se ne sono accorti anche gli ambulanti della zona.

In dieci anni, complici le ristrutturazioni, i banchi sono diminuiti notevolmente passando da 109 a 67. “Così non si può più andare avanti – spiega un ambulante della zona -. Per questo chiederemo alle istituzioni di venirci incontro ancora una volta”. Un problema finito sotto l’attenzione dell’assessorato al Commercio della Città e del coordinatore al Commercio della circoscrizione Sette Ernesto Ausilio. E ovviamente anche del presidente della circoscrizione Emanuele Durante.

Una delegazione di ambulanti di piazza Santa Giulia, nel frattempo, si è già recata in piazza Palazzo di Città per chiedere un cambiamento, a cominciare dall’accorpamento dei banchi. “Quel mercato di Vanchiglietta è troppo dispersivo – dichiara Ausilio -. Ad oggi stiamo cercando, in linea con l’assessore Tedesco, di trovare il modo per far farlo rifiorire. E’ nostra intenzione fare il possibile per accontentare le richieste degli ambulanti”.

Situazione difficile anche negli altri mercati, a cominciare da quello della Crocetta. A denunciarla sono il capogruppo della Lega in Comune di Torino Fabrizio Ricca e il capogruppo del Carroccio in circoscrizione Uno Giovanni Vagnone. Nel mirino sono finite le associazioni che gestiscono i mercati. “La Città deve tornare ad occuparsi dell'organizzazione delle domeniche mercatali – chiosano Ricca e Vagnone -. E’ ora di levare lo scettro del potere alle associazioni degli ambulanti. Chi non aderisce alle loro iniziative o alle loro decisioni, infatti, viene automaticamente penalizzato. E a noi questo modus operandi non sembra affatto corretto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mercato di Vanchiglietta chiede l'accorpamento. "L'attuale divisione non va più bene"

TorinoToday è in caricamento