menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tav: il Pd in piazza per dire "#bastaviolenza", ma irrompono i No Tav

Alcuni No Tav hanno disturbato il presidio organizzato in piazza Castello dal Pd. "I terroristi siamo noi", hanno detto a gran voce, facendo un chiaro riferimento ai loro compagni arrestati con l'accusa di terrorismo

Doveva essere un normale presidio di solidarietà a magistrati, forze dell'ordine, giornalisti e lavoratori del cantiere per la costruzione dell'alta velocità, ma invece si è trasformata nell'occasione di protesta di una decina di attivisti del movimento No Tav.

Nel cuore di Torino, in piazza Castello, una delegazione di iscritti al Partito Democratico, si è ritrovato per dire "#bastaviolenza" e per essere ricevuta dal Prefetto. Nell'attesa di parlare al rappresentante del Governo sono stati disturbati da alcuni No Tav che sono scesi in piazza scandendo slogan e mostrando una bottiglia di latte con la scritta "molotov". "I terroristi siamo noi", hanno detto a gran voce gli attivisti contrari alla Torino-Lione, facendo un chiaro riferimento ai loro compagni arrestati con l'accusa di terrorismo.

La piazza era presidiata da diversi agenti delle forze dell'ordine e dopo pochi minuti gli attivisti No Tav hanno sciolto la protesta senza incidenti.

In piazza erano presenti sia il presidente della Provincia di Torino, Antonio Saitta, sia il presidente dell'Osservatorio Torino-Lione, Mario Virano. Questi, insieme ad una delegazione, hanno incontrato il Prefetto a cui hanno espresso preoccupazione per il clima legato alla Tav che si respira in questo momento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento