menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tensioni al processo No Tav, il giudice chiude le porte al pubblico

Dopo una prima sospensione dell'udienza, il giudice ha deciso di allontanare tutti dall'aula e continuare il processo con i soli imputati e legali

Questa mattina si è aperto il processo contro tre attivisti del Movimento No Tav, accusati di aver sequestrato e tentato di togliere la macchina fotografica ad un agente di Polizia in borghese nel novembre del 2012. L'udienza non è stata tranquilla, sin da prima che iniziasse all'esterno del Tribunale diversi attivisti erano in presidio con striscioni e bandiere. "Se è terrorismo difendere la terra siamo tutti terroristi. Libertà per Chiara, Nicco, Mattia, Claudio", si leggeva su un grosso telo.

I manifestanti sono entrati poi nella maxi aula al piano interrato, ma le loro proteste non si sono placate. Il giudice ha così deciso, in un primo momento, di sospendere l'udienza e di far uscire tutti dall'aula. Poi, una volta fatti rientrare e visto che gli animi erano ancora esagitati, ha deciso di continuare il processo con porte chiuse al pubblico. Quello che ha mandato sulle furie i presenti è stato il respingimento della richiesta di uno dei legali difensori, il quale aveva chiesto se un imputato potesse affrontare l'udienza seduto vicino a lui e non dietro le sbarre.

Tra gli imputati c'è anche Claudio Alberto, uno dei quattro No Tav arrestati e accusati di terrorismo per l'assalto al cantiere di Chiomonte avvenuto nel maggio 2013.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento