menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Calci alla porta di casa dell’ex, chiamate a tutte le ore e insulti: 34enne denunciato

Per percosse, violenza privata, sequestro di persona, atti persecutori e tentata violazione di domicilio

Un italiano di 34 anni ha tentato di sfondare a calci la porta d’ingresso dell’abitazione dell’ex compagno che non ha potuto far altro che chiamare il 112. L’episodio si è verificato lunedì mattina 11 maggio in zona Parella a Torino. La relazione tra i due è finita, ma il 34enne pare non averlo mai accettato tanto da tempestare l’ex con continue chiamate e messaggi offensivi.

Domenica sera, 10 maggio, l’uomo ha tentato di rientrare in casa con la forza, ma è stato allontanato dopo una colluttazione. Lunedì mattina sé è presentato nuovamente alla porta dell’ex tentando di sfondare la porta. È a questo punto che la vittima chiama il 112 NUE. L’uomo, udito l’arrivo della volante, scende in strada e tenta la fuga, gettando tra le auto in sosta le chiavi dell’appartamento. Fermato dagli agenti del commissariato San Donato, il 34enne, con precedenti specifici di Polizia, viene stato denunciato per percosse, violenza privata, sequestro di persona, atti persecutori e tentata violazione di domicilio.

Secondo la ricostruzione effettuata dagli agenti con la vittima, la sera di domenica10 maggio l’uomo ha tentato di rientrare in casa con la forza. La vittima, spaventata dalla reazione dell’uomo, decide di aprire la porta nella speranza di gestire la situazione, ma il 34enne porta le mani al collo dell’ex, minacciandolo di non urlare. Dopo alcuni attimi la vittima riesce a liberarsi dalla presa e tenta di scappare portando con sé chiavi e cellulare, ma viene immediatamente bloccato, privato dei suoi effetti e rinchiuso nella sua stessa casa. La sua reazione non si fa attendere: approfittando di un momento di distrazione, riesce a spingere l’ex fuori dalla porta, per poi bloccarla dall’interno. A nulla valgono i tentativi del 34enne di rientrare con il mazzo di chiavi che aveva sottratto poco prima e che tenterà di riutilizzare il lunedì mattina prima di prendere a calci la porta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento