menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Poliziotto spara a un cane al Valentino: la proprietaria racconta l'accaduto

Un agente di polizia ha sparato a un cane al Valentino; la proprietaria racconta la sua versione dei fatti. Per il povero cane, è stato necessario asportare parte di un polmone

Una litigata troppo accalorata, e chi ci è andato di mezzo è stato un cane. È accaduto due giorni fa al parco del Valentino: il proprietario del cane ci tiene però a sottolineare quanto accaduto, fornendo la sua versione dei fatti.

Verso le 14.30 la signora Marina e il signor Giancarlo hanno avuto una litigata un po’ troppo accesa, presso l’area cani del parco. Un agente li ha raggiunti per capire di cosa si trattava. « Arrivato a metà dell'area cani, urlando ancora qualcosa, il nostro cane che stava li vicino tranquillo sdraiato nell'erba ha iniziato ad abbaiare al poliziotto ma comunque tenendo le distanze e indietreggiando mentre il poliziotto avanzava – afferma Marina – il cane non ha mai avuto contatto fisico con l’agente, né tantomeno si è avvicinato tanto da essere un reale pericolo».

Il colpo però è partito, e a rimetterci è stato il cane Luna, che si è accasciato sotto un albero. Sul posto sono arrivati altri agenti, che hanno caricato il cane su una volante e l’hanno portato al pronto soccorso degli animali in via Poliziano.

«Alcuni poliziotti, quelli che erano arrivati per prima, e che suppongo erano sulla stessa pattuglia di quello che ha sparato, sono rimasti fino alla fine con noi, continuando ulteriormente a scusarsi – prosegue Marina – Per ora il cane è in prognosi riservata, gli è stata asportata una parte del polmone destro e ricucito lo stomaco che era stato completamente aperto dalla pallottola».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento