menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Paura in carcere: un agente investito da sangue infetto da epatite C

Un agente del carcere di Torino è stato colpito da del sangue infetto da epatite C mentre soccorreva un detenuto affetto da questa malattia. Ora è ricoverato in ospedale

Un agente della polizia penitenziaria in servizio al carcere di Torino è stato investito da alcuni schizzi di sangue di un detenuto affetto da epatite C. L'uomo aveva tentato di impiccarsi ma, quando le forze dell'ordine glielo hanno impedito, si è colpito con una caffettiera, procurandosi alcune ferite.

L'agente che è stato raggiunto dal sangue infetto è stato portato in ospedale, sottoposto a profilassi per malattie infettive.

"Vivere e soprattutto lavorare in questo tipo di carcere - commenta Leo Beneduci, segretario generale dell'Osapp che ha diffuso la notizia - non è più possibile perché quello che i poliziotti penitenziari di tutta Italia stanno subendo va ben oltre le conseguenze dei rischi professionali e deriva dall'incuria, dal silenzio e dall'incapacità della classe politica e dei vertici che si sono succeduti nel tempo nella guida dell'amministrazione penitenziaria e del dicastero della giustizia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento