Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Ivrea

Detenuto non vuole rientrare in cella, agente aggredito finisce in ospedale

Non è la prima aggressione che si verifica nel carecere di Ivrea. La denuncia ancora una volta è partita dal segretario dell'Ospapp Leo Beneduci: "Chiediamo un intervento del ministro della giustizia"

Il carcere di Ivrea

Ennesima aggressione in carcere a Ivrea. Un agente di Polizia penitenziaria è stato picchiato da un detenuto egiziano di 33 anni che non voleva saperne di rientrare nella sua cella. L'insistere del poliziotto - che rientra nel suo lavoro - gli è costato un ricovero presso l'ospedale eporediese.

"Purtroppo in quel carcere l'assenza di strutture idonee per l'esecuzione della vigilanza dinamica ha aggravato le condizioni lavorative e di stress della polizia penitenziaria e ha aumentato di gran lunga il rischio a cui è sottoposto giornalmente - la denuncia di Leo Beneduci, segretario generale dell'Osapp, sindaco di Polizia -. Chiediamo un intervento del ministro della giustizia affinché siano ripristinate con urgenza le precedenti regole detentive".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detenuto non vuole rientrare in cella, agente aggredito finisce in ospedale

TorinoToday è in caricamento