menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I concerti fan troppo rumore, ma sono confermati Muse e Jovanotti

I concerti dei Muse e di Jovanotti sono confermati. La polemica ruota attorno agli sforamenti del livello decibel previsti

Alla fine l'hanno avuta vinta i cantanti: i concerti dei Muse (28 e 29 giugno) e di Jovanotti (16 luglio) si svolgeranno regolarmente. Le loro esibizioni erano a rischio, a causa degli sforamenti dei livelli audio previsti dal regolamento comunale, che ne prevede solo cinque (quattro già avvenuti).

Gli organizzatori dei tre concerti - Vivo Concerti e Set Up - hanno infatto spiegato che "il Comune di Torino affrontera' al meglio gli aspetti autorizzativi della vicendà. I fan del gruppo inglese e del cantautore possono stare tranquilli"

A sostegno dei concerti si è schierata anche l'Ascom. Maria Luisa Coppa, presidente dell'Ascom torinese, ha lanciato un appello circa il concerto dei Muse: "Non vorremmo che per qualche motivo di pura divergenza politica - afferma - Torino perdesse per strada quei grandi eventi musicali che hanno fatto del capoluogo piemontese una delle mete più ambite dei grandi nomi della musica rock nazionale e internazionale". Coppa sostiene che Torino potrebbe rischiare un danno economico e di immagine. "I grandi concerti creano valore aggiunto - conclude - e sono vetrina importante per l'immagine di Torino nel mondo, che non può essere sciupata per qualche decibel in più".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento