Cronaca

Occupazione Gabrio, a Palazzo Civico scoppia la bagarre tra consiglieri

L'occupazione abusiva da parte dei militanti del Gabrio dell'istituto di via Millio ha fatto scattare la bagarre a Palazzo Civico tra maggioranza, opposizione e cittadini presenti in aula

Che i centri sociali scatenino un certo clamore sociale è cosa risaputa, tanto da far scoppiare a Palazzo Civico una vera e propria bagarre tra maggioranza e opposizione. Nocciolo della questione, sollevato in sala capigruppo, l'occupazione del Gabrio, a fronte della richiesta di buona parte dei residenti di via Millio, di porre un freno alle attività che, nell'edificio di proprietà comunale, generano l'inquinamento acustico.

Una patata bollente, quella inerente alle attività sociali poste in essere dai militanti del Gabrio, che non poteva che portare alla discussione più scottante: quella dell'occupazione. Una discussione talmente scottante che l'intervento in aula di alcuni cittadini, ha fatto scattare la bagarre tra i consiglieri, al punto che la stessa seduta è stata temporaneamente sospesa. A infuocare la polemica il trasferimento dei militanti del Gabrio dall'ex scuola di via Revello a via Millio, avvenuta a fine 2013 e sul quale continuano a esserci diversi dubbi. "Il vecchio Gabrio non è stato sgomberato - sostiene il consigliere FdI Maurizio Marrone -. A causa dell'amianto si è arrivati a un confronto pubblico tra Comune e occupanti, i quali hanno poi preso possesso della struttura in via Millio. Non è corretto parlare di sgombero, ma di trasloco".

Il problema dei centri comunali occupati è forte e sembra non arrivare mai a punto definito, coinvolgendo non solo le parti politiche - arrivate a un confronto verbale dai toni accesi e incisivi - ma gli stessi cittadini. "Non dobbiamo attendere che si verifichi qualche fatto spiacevole all'interno del Gabrio - afferma il consigliere Sbriglio - per normare la situazione. Se qualche soggetto si fa male all'interno dell'edificio, di chi è la responsabilità?".

Un problema che, per certi aspetti, appare poco chiaro, perchè per alcuni edifici comunali è stata disposta la concessione a terzi, altri, invece, sono stati abusivamente occupati. "Sugli sgomberi l'ultima parola spetta al Questore - afferma l'assessore alla Polizia Municipale Giuliana Tedesco -. In tutti i casi di occupazione il Comune ha sempre denunciato tempestivamente sia alla Procura che alla Corte dei Conti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupazione Gabrio, a Palazzo Civico scoppia la bagarre tra consiglieri

TorinoToday è in caricamento