Cronaca Centro / Piazza Castello

PokémonGo mania: sorprese a Palazzo Madama, il museo sorride al fenomeno mondiale

Suggerimenti sui pokéstop, sulle palestre e su dove trovare i pokémon che si nascondono nei quattro piani del museo

(Spiegazione per chi non conosce Pokémon Go: si tratta di un gioco per cellulari smartphone che consiste nel catturare - usando la fotocamera e le mappe - buffi animaletti di fantasia sparsi in ogni luogo della città, ma molto più numerosi in luoghi di particolare interesse come parchi, piazze storiche, antichi palazzi e simili)

I Pokémon sono arrivati da ieri anche a Palazzo Madama. Il museo di piazza Castello è il primo in Italia, com'è nella tradizione torinese, ad aprire le sue porte al mondo, in questo caso a giocatori e allenatori di PokémonGo. E in pieno stile da madama torinese, nell'accogliere dà sia indicazioni sulla posizione dei Pokémon sia suggerimenti su come non disturbare chi non gioca (o chi gioca).

Palazzo Madama ospita diversi pokéstops e i pokémon si nascondono sui quattro piani del museo. Il museo, che invita ufficialmente i giocatori a fare foto e a condividere l'esperienza su tutti i social network, ha persino preparato per i giocatori uno speciale percorso tra le collezioni.

Tra i consigli innanzitutto la rete Free Madama Wifi aperta, a cui connettersi per giocare tranquilli senza consumare traffico dati sul telefono. A breve, assicurano, saranno predisposti anche punti di ricarica nel museo, per evitare di interrompere il gioco per la batteria scarica.

Ci sono poi i suggerimenti di buon senso, come non disturbare chi è lì per osservare le opere d'arte, e di stare attenti a non inciampare, per la propria incolumità ma anche per quella delle opere esposte...

Al piano -1 si trova il giardino e una sorpresa speciale che dal museo non vogliono svelare, mentre il consiglio migliori sia per i giocatori sia per tutti gli altri riguarda la Torre Panoramica, dove si trovano palestre e Pokéstop per i giocatori e un panorama emozionante su Torino per tutti, dal luogo che dopo oltre duemila anni resta uno dei più vivi di Torino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PokémonGo mania: sorprese a Palazzo Madama, il museo sorride al fenomeno mondiale

TorinoToday è in caricamento