Cronaca Lucento

Puntò la pistola contro il figlio: scarcerato, torna due volte a molestare lui e l'ex moglie

La sua famiglia ha deciso di vendere il bar che gestisce a Lucento. Vuole rifarsi una vita, forse all'estero

I fotogrammi dello scorso 8 marzo, quando l'uomo puntò una pistola contro il figlio

Appena uscito dal carcere si è ripresentato, la sera di mercoledì 26 aprile 2017, nel bar che l'ex moglie gestisce nel quartiere Barriera di Milano. Ed è tornato, per la terza volta in un mese e mezzo, dietro le sbarre perché gli agenti della polizia sono intervenuti e lo hanno arrestato per evasione, visto che sarebbe dovuto andare subito in una comunità di recupero alla Falchera.

Protagonista dell'accaduto è il 46enne italiano che lo scorso 8 marzo puntò la pistola contro il figlio maggiore nel bar gestito da quest'ultimo, a Lucento. Il ragazzo in questi anni ha sempre preso le parti della madre e il padre non glielo ha mai perdonato: non sparò perché l'arma, che fu poi recuperata dal figlio minorenne e, a suo dire, fu gettata nel fiume Dora Riparia, si inceppò.

Da allora, dopo il primo arresto e la scarcerazione, per lui vige il divieto di avvicinarsi ai familiari. Che ha violato già una volta, il 28 marzo, quando è stato nuovamente portato in carcere dagli agenti. Mercoledì la nuova scarcerazione e l'arresto, questa volta per evasione.

L'ex moglie, 46 anni, e il figlio 20enne hanno messo in vendita i due esercizi pubblici. Non ce la fanno più, vogliono rifarsi una vita altrove, forse addirittura in un altro Paese.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Puntò la pistola contro il figlio: scarcerato, torna due volte a molestare lui e l'ex moglie

TorinoToday è in caricamento