Estrae una pistola da softair per minacciare il fratello di un debitore, denunciato

E' avvenuto vicino all'ufficio postale di La Loggia. L'uomo, un 24enne ai domiciliari, era poi andato a fare la spesa al supermercato

Il parcheggio del centro commerciale Il Gigante di La Loggia, dove sono intervenuti i carabinieri

Ha estratto una pistola da softair per minacciare il fratello di un suo debitore, che gli deve 360 euro.

E' avvenuto venerdì 3 febbraio 2017 vicino all'ufficio postale di La Loggia, in via Maina. Qui sono intervenuti i carabinieri, che però non hanno trovato l'autore del gesto, un albanese di 24 anni residente in provincia di Cuneo che, tra l'altro, avrebbe dovuto trovarsi agli arresti domiciliari o sul posto di lavoro a Torino, dove il giudice gli aveva consentito di recarsi.

L'uomo, poco dopo avere messo in atto la minaccia, era andato tranquillamente a fare la spesa nel centro commerciale Il Gigante, sulla statale 20. I militari dell'Arma hanno rintracciato la sua vettura, una Bmw, e lo hanno atteso finché è uscito con le borse. Una volta aperto il veicolo è spuntata, nascosta sotto un sedile, anche la pistola.

Per l'albanese è scattata così una denuncia per minaccia aggravata, con la proposta di revoca degli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Sbanda con l'auto e finisce contro il guardrail: morta una donna

  • Precipita dal quarto piano mentre fa lavori in casa: morto dopo l'arrivo in ospedale

  • Moto trovata in un fosso a bordo strada: centauro morto nonostante i soccorsi

  • Perde il controllo dell'auto che invade la corsia opposta: scontro frontale, ragazzo grave in ospedale

  • Abbandona un sacco lungo la strada: “pizzicato” dalle telecamere e sanzionato dai vigili

Torna su
TorinoToday è in caricamento