Cronaca Centro / Via Antonio Bertola

Pedalare sotto la Mole: la ciclabile di via Bertola trasformata in parcheggio

Abbiamo pedalato per Torino al fine di scoprire i problemi delle piste ciclabili della città. In via Bertola il tracciato per le biciclette è utilizzato alla stregua di un parcheggio

A cosa serve una pista ciclabile se non la si può usare? Pedalare sul percorso riservato alle due ruote, in via Bertola, significa spesso intraprendere un continuo slalom per evitare auto, furgoni, motocicli parcheggiati impunemente sul tracciato.

Non è l'unica pista che soffre di questo spiacevole problema, ma è forse quella in cui si manifesta con più evidenza il malcostume tutto nostrano di utilizzare i percorsi ciclabili come parcheggi; parcheggi, è da sottolineare, gratuiti, in quanto siamo in piena zona blu.

E, sarà per il traffico o per effettiva maleducazione, la pista spesso viene percorsa anche dai motociclisti: lo sanno bene quanti la intraprendono ogni giorno, dovendo fare i conti con una totale disattenzione per le biciclette.

"Pedalo sovente in via Bertola - ammette Giovanni - e troppe volte questa pista viene scambiata per un parcheggio: è un'indecenza". Incontriamo GIovanni mentre attraversa le strisce pedonali portando a mano la sua bicicletta: un altro problema della ciclopista sono in effetti gli attraversamenti. La pista in corrispondenza degli incroci prosegue dritto, ma spesso chi non lo sa e svolta può investire il ciclista: cosa avvenuta di recente.

Fabio Zanchetta, presidente dell'associazione Bike Pride, propone una soluzione per il problema del parcheggio selvaggio: "Il Comune dovrebbe adibire più parcheggi carico-scarico merci dall'altro lato di via Bertola, per evitare che i furgoni si sistemino sulla pista".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedalare sotto la Mole: la ciclabile di via Bertola trasformata in parcheggio

TorinoToday è in caricamento