Cronaca Mirafiori Sud / Corso Luigi Settembrini

Pedalare sotto la Mole: corso Settembrini, un percorso a ostacoli

Abbiamo pedalato per Torino al fine di scoprire i problemi delle piste ciclabili della città. In corso Settembrini il tracciato è in uno stato di conservazione pessimo: roba da Terzo Mondo

Se proponeste ad un ciclista europeo (basta chiedere a un "cugino d'oltralpe" francese) di pedalare  in corso Settembrini sul percorso riservato alle biciclette, probabilmente questi vi domanderebbe se stiate scherzando. Buche - spesso delle vere e proprie voragini - asfalto a pezzi, auto parcheggiate ovunque, rischio di essere investiti da chi fa retromarcia, pulizia da foglie e rami del tutto assente. Non siamo nel Terzo Mondo, ma a Torino: eppure lo stato di conservazione di questa lunga pista ciclabile è del tutto inconcepibile per una città europea.

Percorriamo corso Settembrini partendo da corso Agnelli e andando verso corso Orbassano. Il ciclista deve praticamente rassegnarsi ad andare a piedi, se non vuole rischiare pericolosi capitomboli. La trascuratezza nella quale è tenuto il tracciato dimostra che questa pista è stata dimenticata da tutti, e gli automobilisti, in un certo senso comprensibilmente - è difficile pensare che questa possa essere una pista per le biciclette - ci parcheggiano sopra: d'altronde, quando tutte le auto sono lasciate comodamente sul marciapiede, posteggiare anche sulla ciclabile non fa molta differenza.

La situazione migliora arrivando verso corso Orbassano, dove la pista è stata riasfaltata: ma per metà percorso sembra di intraprendere una pista africana.

"Si tratta di una non-ciclabile - commenta Fabio Zanchetta, presidente di Bike Pride - Il marciapiede è usato come parcheggio, la ciclabile come marciapiede. E' attualmente in uno stato pietoso, che neanche con una bici da cross si potrebbe percorrere".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedalare sotto la Mole: corso Settembrini, un percorso a ostacoli

TorinoToday è in caricamento