rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Cronaca Borgo Vittoria / Via Giuseppe Massari

Impianto Massari, la piscina che dà spazio alle donne musulmane

Qui però a indossare il burkini, che tanto ha scatenato la polemica in questi giorni, è solo una. Le altre si sono adeguate ai costumi occidentali

In questi giorni i media si sono scatenati: burkini si o burkini no? A Torino, non tutti lo sanno, ma esiste alla piscina Massari di Torino una vera e propria oasi dedicata alle donne che vogliono dedicare il loro tempo allo sport, lontano dagli sguardi maschili e insieme ad altre donne con ideologie e cultura simili alle loro. L'impianto dà questa possibilità per due ore alla settimana, seguendo un progetto nato alla Uisp nel 2009.

Durante queste ore in acqua, a darsi appuntamento sono decine di donne musulmane - l'80% del totale - che hanno fatto del nuoto, un momento importante di svago per se stesse durante la settimana o alla domenica mattina mentre i loro uomini si occupano dei figli e della casa.

Ma qui al Massari non c'è modo di fare polemica: a indossare il burkini per nuotare è solo una, le altre hanno adottato i costumi interi occidentali e non mancano di mostrare i loro capelli, sovente lunghissimi e ben curati. Un passo fatto dalla Uisp e dal Massari verso la loro cultura che è stato ripagato con un passo da loro, verso la nostra. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianto Massari, la piscina che dà spazio alle donne musulmane

TorinoToday è in caricamento