menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cambiano, giovedì la Pininfarina si ferma contro i licenziamenti

I lavoratori dello stabilimento di Cambiano incroceranno le braccia questo giovedì e sfileranno fino davanti al comune. L'obiettivo è sensibilizzare le istituzioni contro i licenziamenti

Giovedì i lavoratori dello stabilimento Pininfarina di Cambiano, incroceranno nuovamente le braccia. A renderlo noto i sindacati della Fiom-Cgil: i dipendenti non intendono arrendersi e vogliono sensibilizzare le istituzioni sulla decisione dell'azienda di licenziare 14 persone. I lavoratori si fermeranno per due ore, organizzando un corteo fino al Comune.

"I lavoratori continuano a chiedere all'azienda la revoca dei licenziamenti - ha dichiarato Antonio Citriniti della Fiom-Cgil -. Qualunque cittadino che continua a vivere gli effetti della crisi e l'impoverimento delle famiglie rimane indignato dagli stipendi dei dirigenti, che complessivamente ammontano a quattro milioni e duecentomila euro annue in un'azienda di 300 dipendenti".

Il futuro industriale di Pininfarina rimane un'incognita, per questo si è ritenuto di coinvolgere le amministrazioni pubbliche e chi ha responsabilità politiche. La Pininfarina al momento sta portando avanti la trattativa per la cessione del pacchetto di maggioranza al gruppo indiano Mahindra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento