menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pininfarina, quattordici licenziamenti e i lavoratori incrociano le braccia

La protesta è stata decisa dalle Rsu-Fiom e Uilm al termine dell'assemblea che ha fatto registrare un'adesione del 100% dei dipendenti, in tutto circa 300

C'è tensione alla Pininfarina di Cambiano, a pochi chilometri da Torino. Oggi infatti, secondo quanto riferisce la Fiom-Cgil, i lavoratori si sarebbero fermati per un'ora di sciopero dopo l'annuncio di quattordici licenziamenti, senza ricorrere alla volontarietà.

La protesta è stata decisa dalle Rsu-Fiom e Uilm al termine dell'assemblea che ha fatto registrare un'adesione del 100% dei dipendenti, in tutto circa 300. L'anno scorso i lavoratori avevano già accettato la mobilità e ora questa decisione da parte dell'azienda pare essere inaccettabile.

"Non possono essere sempre e solo i dipendenti - ha dichiarato Antonio Citriniti della Fiom-Cgil - a pagare la mancanza di prospettive chiare sul futuro".

Purtroppo però i licenziamenti sembrano rientrare nell'ambito della trattativa in atto tra l'azienda e il suo possibile compratore, il gruppo indiano Mahindra. "Siamo consapevoli che al momento il gruppo Mahindra sia l'unica opportunità - ha commentato Federico Bellono, segretario Fiom - però quello dei licenziamenti non è certo un bel biglietto da visita ed è lecito, per i dipendenti, preoccuparsi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento