menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La presentazione della candidatura

La presentazione della candidatura

Il Piemonte si candida a ospitare il polo di fusione nucleare

Il presidente Sergio Chiamparino: "Il polo potrebbe nascere nella zona di Casale Monferrato"

L'Italia si è candidata ufficialmente a ospitare un polo scientifico tecnologico tra i più avanzati al mondo per la fusione nucleare e il Piemonte è in prima fila per diventarne la sede. Si tratta di un progetto da 500 milioni di euro e oltre 1.800 addetti, già sul tavolo di Miur e Mise, e potrebbe nascere proprio qui. 

 A sostenere il progetto Enea, Regione Piemonte e Unione Industriale di Torino. "Sarebbe un peccato si facesse in un altro Paese - ha detto il presidente di Enea, Chicco Testa - , perderemmo un'occasione. La comunità scientifica italiana, se si realizzerà qui, continuerà a essere tra i leader nel campo della fusione", 

Il Dtt, Divertor Tokamak Test Facility, così è nominato il progetto, sarà finanziato attraverso il piano Junker, mentre il resto dei fondi arriverebbe da contributi dei ministeri, di partner cinesi e con fondi regionali. "Abbiamo avanzato la candidatura ufficiale della Regione Piemonte a ospitare il progetto "Divertor Tokamak Test Facility"  - ha detto Sergio Chiamparino - realizzando, nella zona di Casale Monferrato, un polo scientifico tecnologico tra i più avanzati al mondo per la fusione nucleare. 

La nostra regione può essere considerata la sede naturale per un progetto di questa portata, per la presenza logistica, di infrastrutture e centri di ricerca pubblici e privati di eccellenza, come Università di Torino e Politecnico. Siamo pronti a fare la nostra parte, iniziamo da oggi una campagna di lobbying democratica perché il progetto sia sostenuto dal governo e si localizzi nella nostra regione"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento