Al via il piano d'accoglienza per i senzatetto: nuovo rifugio in piazza D'Armi

Ampliati anche gli orari di apertura

Per questo inverno, saranno 275 in più i posti letto in città a disposizione dei senzatetto. Circa 670 in tutto - tra dicembre e marzo 2019 -, grazie al sodalizio tra Comune, Diocesi e Caritas che, insieme a tante altre, si occupano di accoglienza e hanno ideato un piano per contrastare povertà e disagio sociale. Il piano prevede inoltre un ampliamento nell'orario di accoglienza, dalle 17 alle 9.

E a Torino si parla di emergenza. Secondo i dati raccolti nelle case di ospitalità infatti, in 5 anni i numeri relativi alle persone che non hanno una casa, sono aumentati del 50%. A partire dalla prossima settimana inoltre, in piazza d’Armi, sarà allestito un rifugio, per ospitare 100 persone: una struttura che va a sostituirsi a quella solitamente allestita alla Pellerina. Quest'anno, mancando i fondi per acquistare nuove strutture, si useranno ancora i container. “Non ci sono i fondi per sostituire le strutture tutte assieme - ha spiegato l'assessora al Welfare del Comune, Sonia Schellino - , ma man mano che sarà necessario cambiarli, acquisteremo delle unità abitative simili a quelle che la Croce Rossa ha adottato nel campo di Settimo Torinese”.

In previsione dell'arrivo dell'inverno, in strada ci sarà un rafforzamento dell'attività per andare incontro ai senza dimora (salgono infatti a due gli equipaggi della Boa Urbana Mobile) mentre è da segnalare l'apertura, al sabato e la domenica, dell'ambulatorio sociosanitario "Roberto Gamba" di via Sacchi 49.

“Torino è una città solidale ed è una cosa di cui tutta la comunità deve essere orgogliosa - ha detto la sindaca Chiara Appendino, rafforzando il "no" dell'amministrazione al Daspo urbano -. Noi mettiamo al centro la persona, il nostro non è un approccio securitario. È troppo facile usare il Daspo urbano, bisogna coinvolgere le persone in percorsi che diano loro dignità e una prospettiva di vita”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento