menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Traferimento Suk, i cittadini non si arrendono: "Avete creato un mostro, governatelo"

Una petizione popolare per ribadire la propria contrarietà al trasloco del Suk da Vanchiglia alle ex Officine Grandi Motori. Il trasferimento sarebbe previsto per il prossimo maggio

Non si arrendono i cittadini di Barriera di Milano e Aurora, uniti contro il trasferimento del Suk alle ex Ogm di via Carmgnola - o sarebbe meglio dire - uniti contro il Suk stesso. Tanto da presentare una petizione per ribadire le loro convinzioni, l'ennesimo tenativo per fermare un'amministrazione che, ormai, avrebbe già deciso, con tanto di bando per la gestione dell'area e, soprattutto, negando le delibere presentate da FdI e Lega Nord.

Un problema - quello del trasloco del Suk - che mira dritto al cuore dei cittadini di Aurora e Barriera, già tartassati dal degrado e dalla microcriminalità. E allora perchè trasferire il mercato del libero scambio da Vanchiglia proprio in una delle zone più problematiche della Città? "Ci sarebbe l'area di Torino Esposizioni - rilancia Angelo Martino presidente del Comitato Spontaneo Torino Nord Barriera di Milano -. E' un perimetro che sta andando a scatafascio e potrebbe tranquillamente ospitare i 400 'commercianti' del Suk. L'importante è che si faccia un mercato come si deve".

Sì, perchè la merce che spesso viene commerciata all'interno del Suk risulta essere di dubbia provenienza e gli stessi venditori "abusivi". I cittadini non ci stanno e mirano dritto verso una totale eliminazione del mercato del libero scambio. "Il Suk ammazza il commercio fisso - esclama Romano Rosaria, uno dei firmatari della petizione -. Avete creato un mostro e ora non sapete come governarlo".

Secondo l'amministrazione che ha approvato il trasferimento, l'area delle ex Ogm rappresenterebbe, il punto migliore della Città perchè più governabile. L'intera zona, però, oltre a essere praticamente adiacente ad abitazioni e strutture pubbliche, risulta anche del tutto da bonificare. Una bonifica che - in ogni caso - non avrebbe tempo di essere compiuta: il trasferimento del Suk è, infatti, previsto per il prossimo maggio.

"Impossibile pensare che la bonifica dell'area possa avvenire in appena un paio di mesi". Ma ci sarebbe di più perchè, secondo il consigliere della Lega Nord, Roberto Carbonero, il trasloco del Suk potrebbe essere un modo per "nascondere le porcherie celate sotto i detriti della vecchia struttura" delle ex Ogm. Al momento, infatti, malgrado i rappresentanti dei Comitati abbiano fatto specifica richiesta all'Assessorato, nessun documento inerente alla bonifica dell'area è stato portato alla luce e consegnato. Nei 16mila metri quadrati dell'ex Ogm di certo l'immondizia non manca, e non manca neppure l'eternit.

Ora la discussione sarà rimessa a una commissione consigliare programmata per il prossimo 15 aprile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento