menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torino rivuole i Murazzi: parte la petizione per salvare i locali del Po

Una petizione per salvare i Murazzi, per ridarli ai giovani che, in modo tale, possano adibirli alla cultura, alla creatività ed al turismo. E la concessione degli spazi per la prossima estate 2014

I Murazzi, il luogo cult per antonomasia della nostra Città, perchè se dici Torino, dici anche un po' Murazzi. Solo che, complice la malavita (che ammettiamolo, c'è ovunque), le richieste insistenti dei residenti, gli schiamazzi fino all'alba ed i sequestri, di quella vita ridente e colorata che si spalmava nei locali del lungo Po, non c'è più ombra da un pezzo. I giovani, e  non solo loro, tuttavia, rivogliono quello che ha rappresentato per molto tempo un punto di riferimento, una nota distintiva del capoluogo piemontese.

Lo fanno con i loro mezzi ed indicono una petizione che nel giro di 24 ore ha raggiunto già le 700 adesioni. Una petizione per riaprire i Murazzi, per ridare la vita ad un luogo frequentato da decenni e che ora versa in uno stato di spettrale abbandono. Adesioni a parte, tanti i commenti lasciati sulla pagina Facebook della petizione stessa: "Rivogliamo i Murazzi, quelli veri, creativi, quelli che hanno acceso scintille di trasformazione importanti, contribuendo a cambiare volto e abitudini di una città spenta e provinciale -. cita l'estratto della petizione - Quelli che hanno ispirato artisti e musicisti di tutta Italia rendendo Torino una città più internazionale".

Quello che i fondatori della petizione vogliono è che il Comune rispetti quanto contenuto nel Piano Integrato d'Ambito approvato nel 2013 recante la riqualificazione contro il degrado strutturale, attraverso la creazione di spazi adibiti alla cultura, all'arte, al turismo ed alla formazione dei giovani torinesi. Chiedono, inoltre, che venga pubblicato un bando per l'assegnazione delle arcate sulla base di criteri mossi dalla cultura, dalla creatività giovanile e non che i Murazzi cadano nelle mani del miglior offerente.

La petizione per salvare i Murazzi, inoltre, chiede l'apertura dei locali già per la prossima estate 2014, ovviamente in forma di concessione temporanea, per la realizzazione di eventi culturali e sociali

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Telepass Store, a Torino aperto il secondo punto vendita in Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento