Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Regio Parco / Piazza Sofia

Al Regio Parco chiesta più sicurezza e il prolungamento della linea 19

I residenti del quartiere hanno raccolto 300 firme circa per dire no alla mancanza di sicurezza e pulizia nei pressi della Confluenza. Da corso Regio Parco, invece, è partita la petizione popolare per la linea 19 della Gtt

Una raccolta firme per dire no al degrado del parco Confluenza è l'ultima idea dei residenti di piazza Sofia e via Botticelli. La presenza continua di numerosi rifiuti intorno all'area verde ha costretto i cittadini ad una ferrea presa di posizione. Nella petizione, firmata da trecento persone, si segnalano i problemi degli ultimi mesi: rami tagliati, bracieri e immondezzai causati dall'arrivo dei merenderos.

Nel mirino delle critiche anche la questione sicurezza. Durante le ore notturne è un continuo via vai di spacciatori e tossici. "Presenteremo alla circoscrizione le nostre perplessità – spiega Mauro, un firmatario – Questa zona dovrebbe essere una delle più belle della città e, invece, causa delinquenti è ridotta in pessime condizioni". La pulizia quotidiana, inoltre, sarebbe insufficiente a risolvere la situazione. "Ogni mattina gli addetti passano a pulire – commenta un altro firmatario  -  Nonostante gli sforzi la situazione non migliora. Dal primo pomeriggio fino a sera i rom e gli incivili devastano l'area".

Un prolungamento del percorso della linea 19 fino è invece la richiesta di 700 residenti che hanno firmato una petizione portata avanti da Michelangelo Gulli, presidente dell’associazione commercianti “Una finestra su Regio Parco”, dal consigliere provinciale Raffaele Petrarulo e dai consiglieri dell’Idv della circoscrizione Sei Fabrizio Genco e Adriano Barbieri.



Raggiungere il cimitero per andare a trovare i propri cari defunti da tempo, infatti, può anche diventare un’impresa se non si ha la patente o se nel tuo quartiere manca un comodo pullman. Ecco perché nel Regio Parco sono in tanti a volere il passaggio della linea 19. Ma la petizione è stata firmata anche dai giovani che devono recarsi ogni giorno alla Colletta per le attività sportive. "Molti pensionati ci hanno segnalato che non vanno più al cimitero perché dal Regio Parco non passa nemmeno un bus – spiega Gulli -. Proprio per questo abbiamo cominciato ad intavolare una discussione con la circoscrizione nella speranza che si possa fare qualcosa nel più breve tempo possibile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Regio Parco chiesta più sicurezza e il prolungamento della linea 19

TorinoToday è in caricamento