Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Pozzostrada / Via Claviere, 2

Le poste di via Claviere rischiano di sparire: il quartiere vuole salvarle

Dopo otto mesi di chiusura forzata i cittadini hanno deciso di raccogliere le firme. La circoscrizione, intanto, si schiera con il quartiere

Otto mesi di chiusura e una serie infinita di dubbi. “Ma gli uffici postali di via Claviere 2 riapriranno oppure no?”. La risposta probabilmente si conosce ma di certo non è positiva. Le Poste, infatti, hanno intenzione di chiudere definitivamente gli sportelli di via Claviere puntando tutto sugli altri due uffici di zona, quelli di via Adamello e di via Marsigli 22. A scoprire la brutta notizia sono stati alcuni residenti del quartiere Pozzo Strada che hanno pensato subito di raccogliere delle firme per protesta.

Fino ad ora sono 500 i cittadini che hanno messo il loro nome e cognome sulla petizione che chiede la riapertura degli uffici danneggiati lo scorso gennaio da un colpo messo a segno da una banda di ladri. Un colpo terrificante se consideriamo che i balordi sono riusciti nell’impresa di far saltare in aria il bancomat e persino una vetrina. Ancora oggi transitando davanti all’edificio si possono vedere i segni di quella violenta rapina, a cominciare dai danni procurati dal tentativo di sfondamento del muro.

“E’ da otto mesi che siamo costretti ad arrangiarci per svolgere le nostre pratiche – lamenta Vincenzo, un residente di via Chambery -. Pensavamo che con il tempo tutto si sarebbe risolto ma così non è stato”. A farne le spese potrebbero essere come al solito i più anziani. Le Poste, infatti, hanno valutato i costi e le possibili soluzioni per ripristinare i locali di via Claviere. Costi che si sono rivelati altissimi. Gli uffici, in un primo momento, non avrebbero dovuto traslocare ma soltanto riaprire entro l’inizio dell’estate. La serranda però è rimasta sempre giù.

A fianco dei cittadini si è schierata anche la circoscrizione Tre che nei giorni scorsi ha presentato un ordine del giorno con richiesta di riapertura dell’ufficio postale bombardato. “Capiamo il disagio che i cittadini stanno patendo – dichiara il presidente Daniele Valle -. Faremo tutto il possibile per far cambiare idea alle Poste. Vogliamo che l’ufficio di via Claviere rimanga saldamente al suo posto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le poste di via Claviere rischiano di sparire: il quartiere vuole salvarle

TorinoToday è in caricamento