rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca Aurora / Piazza Generale Antonio Baldissera

Traffico di piazza Baldissera, i cittadini: "Unite corso Principe a corso Venezia"

Più di 2000 firme raccolte per risolvere il problema

Piazza Baldissera è l'incubo dei torinesi. In oltre duemila hanno firmato la petizione di iniziativa popolare presentata al Consiglio comunale, che chiede che vengano studiati interventi per la riduzione del traffico sulla piazza e nelle strade limitrofe che vi convergono. I firmatari hanno evidenziato la difficile situazione venutasi a creare nell'area dopo le modifiche viarie seguite alla demolizione della sopraelevata e ai lavori per la realizzazione del nuovo passante ferroviario.

Inquinamento e commercio penalizzato 

Una situazione che può praticamente essere definita d'emergenza, sia per i disagi creati agli automobilisti, ma soprattutto per la salute dei residenti che devono sopportare oramai livelli insostenibili di smog e d’inquinamento acustico. Per non parlare delle ricadute negative sugli esercizi commerciali, penalizzati dalla continua cantierizzazione del quartiere. I firmatari chiedono un intervento risolutivo, nello specifico un sottopassaggio automobilistico su uno dei due assi principali di traffico, ma sono anche disposti ad accettare una soluzione a medio termine.

L'idea 

E avanzano la loro proposta, un'idea accettabile dai costi contenuti e soprattutto realizzabile in breve tempo: quella di tagliare in diagonale la rotonda per aprire un corridoio fra corso Venezia e corso Principe Oddone. Un cantiere che potrebbe essere intrapreso durante l'estate,  scuole chiuse, quando il traffico non sarà così ingestibile come lo è diventato ora in alcune ore della giornata. Nel frattempo corso Venezia è tornato percorribile su una sola corsia di marcia, in direzione centro. Ma si tratta di una riapertura sperimentale. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di piazza Baldissera, i cittadini: "Unite corso Principe a corso Venezia"

TorinoToday è in caricamento