menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Commercianti all'attacco "Niente pertinenziale in piazza Lagrange"

Il comitato spontaneo "Lagrange-Paleocapa" ha raccolto 590 firme di protesta per chiedere di cancellare il progetto. Secondo gli esercenti i tempi incerti del cantiere porterebbero i negozi alla chiusura

Il centro torna a mobilitarsi contro il Comune di Torino, reo di voler costruire due parcheggi pertinenziali in piazzetta Lagrange e piazza Paleocapa. I residenti e i commercianti della zona, in special modo quelli di piazza Carlo Felice, hanno espresso tutti i loro dubbi al diritto di tribuna. I commercianti del centro hanno ribadito la loro contrarietà a nuovi scavi e soprattutto a nuovi parcheggi, considerando il progetto del tutto inutile e pericoloso per il futuro delle attività.

Il comitato spontaneo “Lagrange Paleopaca” potrebbe persino organizzare un flash mob con modi e tempi ancora da stabilire. Intanto in 590 hanno firmato contro i due pertinenziali. Un progetto che prevede due anni di cantiere a partire dal 2014. “Ma come tutte le volte si sa quando inizia un cantiere ma non si sa quando finisce” ha dichiarato l’architetto Giorgio Scianca, portavoce dei contestatori. La chiusura delle due piazze per lavori porterebbero un mucchio di disagi, le ripercussioni si abbatterebbero sulle vie vicine, a cominciare proprio da via Lagrange. Una scelta senza senso secondo gli esercenti che contestano possibili nuove crisi commerciali e un forte depauperamento della clientela.

“Come se tutto ciò non bastasse abbiamo fatto presente all’amministrazione che in piazza Carlo Felice c’è un parcheggio. Idem per via Roma – ha proseguito nel suo discorso Scianca -. La zona, adesso, è ricca di parcheggi pubblici e privati. Senza dimenticare che presto ne nasceranno altri due in via Nizza e in via Sacchi". Ai commercianti preoccupa anche il poco spazio per i movimenti di gru e camion e i disagi di chi percorre le vie pedonali. Senza dimenticare la tipologia degli edifici, ritenuti troppo vicini alle opere di contenimento dello scavo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lady Dybala si annoia all'ombra della Mole: "A Torino non c'è molto da fare"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento