Atto intimidatorio alla sede del sindacato. UGL: “Ordigno inesploso. Condanniamo l’ennesimo e vile attacco”

"Un attacco avvenuto a poche dal tavolo per discutere sui rider"

Tre torce luminose, potenzialmente pericolose, inserite nella cassetta delle lettere nella sede dell’UGL Piemonte a Torino in via Sacchi. Questo hanno trovato i sindacalisti mercoledì mattina 18 novembre. Sull'episodio indaga la Digos. Un atto che, secondo quanto riferito dalla sigla sindacale, sarebbe avvenuto a poche dal tavolo per discutere sui rider al Ministero del Lavoro con le parti sociali. Il Segretario Generale dell'UGL Segretario Regionale UGL Piemonte denunciano e commentano: “Condanniamo con forza l’ennesimo e vile attacco nei confronti dell’UGL condotto mediante tre artifici pirotecnici, una serie di piccoli ordigni, inseriti all’interno della cassetta delle poste nella sede UGL di Torino. Un atto di violenza politica inaccettabile, il più grave rispetto agli altri anche dal punto di vista della pericolosità che ci auguriamo venga stigmatizzato dalle Istituzioni e dalle altre parti sociali”. 

Continuano e concludono Paolo Capone e Armando Murella: “Danneggiare la sede di un sindacato significa attentare alla democrazia e alla libertà dei lavoratori, per questo non indietreggeremo di un millimetro e continueremo a difendere il CCNL Rider che per la prima volta in Europa riconosce diritti e tutele ai lavoratori del settore. Un attacco avvenuto a poche dal tavolo per discutere sui rider che si terrà al Ministero del Lavoro con le parti sociali”.  

Chiedono pugno duro contro i responsabili anche la parlamentare torinese Augusta Montaruli ed Enzo Liardo, esponente di Fratelli d’Italia: “L’ennesimo atto di violenza contro la sede UGL di via Sacchi a Torino è un vile e grave tentativo di intimidire chi si impegna in difesa dei lavoratori usando la strategia del terrore. Un gesto gravissimo che deve al più presto portare all’individuazione dei responsabili, e punirli con pene esemplari. All’UGL va la nostra piena solidarietà e l’invito a non cedere ad atti di questo tipo, puramente antidemocratici ed inaccettabili. Intimorire chi si batte per i diritti dei lavoratori significa attentare alla democrazia ed al confronto leale”.

Attacco sede UGL Torino-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento