Acquista crack pagandola con prestazioni sessuali, viene punita brutalmente dal fidanzato-aguzzino

Brutali pestaggi, sfregi e violenze

immagine di repertorio

Costretta a subire brutali violenze sessuali, picchiata brutalmente, ferita a un labbro con un coltello e legata mani e piedi con un guinzaglio del cane per avere acquistato crack da spacciatori nigeriani pagandolo con una prestazione sessuale.

E' un quadro di estremo degrado quello di una vicenda finita a processo ieri, martedì 11 dicembre 2018, in tribunale a Torino, davanti al giudice Silvia Bersano Begey.

L'imputato è un 40enne italiano che aveva costretto la sua vittima, per punirla, in un albergo a ore nel quartiere Barriera di Milano. La ragazza ha meno della metà dei suoi anni ed è una tossicodipendente slovacca, finita in ospedale con numerose fratture per le botte che ha dovuto subire quando è stata punita dal suo aguzzino. L'episodio risale al 2016.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini sono state coordinate dal pm Marco Sanini, che ora sostiene l'accusa nel processo. L'imputato, che nega ogni addebito, è difeso dagli avvocati Wilmer Perga e Diogene Franzoso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Tragedia nel palazzo: morto dopo essere caduto nel vano ascensore

Torna su
TorinoToday è in caricamento