Perde il bancomat e va a fare denuncia, un carabiniere le regala cibo e latte per il figlio

Madre ringrazia su Facebook

immagine di repertorio

"Ora come faccio senza bancomat? Non ho un soldo in tasca e non posso comprare il latte per il mio bambino". Era un grido disperato quello di una madre residente a San Maurizio Canavese che si è resa conto di avere smarrito la carta per prelevare il denaro in banca e non poterne avere un'altra né andare a ritirare il contante di persona.

Nella mattinata di giovedì 9 aprile 2020, però, la sorpresa inaspettata quando si è recata nella caserma dei carabinieri di Cirié per sporgere la denuncia di smarrimento.

"Scusi, può aspettarmi un attimo?", ha detto uno dei militari dell'Arma alla donna. Poco dopo è tornato e le ha consegnato una scatola con del cibo e del latte per il bambino. "Se non riesci a ritirare il denaro almeno hai qualcosa da mangiare", le ha detto.

La mamma è tornata a casa commossa. Il bambino ha dieci anni e ha avuto degli zii speciali, in divisa. "La vita - scrive ancora la donna su Facebook - dovrebbe farci incontrare tante persone così, per farci capire che al mondo esistono ancora tanti angeli... Cche ti allargano il cuore con gesti spontanei ed improvvisi... Che ti fanno capire che in questo mondo si può ancora credere nelle cose belle. Un abbraccio al carabiniere da parte nostra e a tutta la caserma". Anche il bambino ha fatto un disegno per ringraziare i militari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Piemonte verso la zona gialla e le regole per le festività natalizie: riepilogo

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: cosa bisogna fare per avere i codici e vincere fino a 5 milioni

  • Zona Arancione: estesa apertura negozi, maggiori controlli, dentro e fuori, nei centri commerciali

Torna su
TorinoToday è in caricamento