Cronaca

Convince il giudice di essersi pentito mentre rubava, scarcerato

Un uomo, con oltre 30 precedenti penali dal 1980 al 2010, è stato scarcerato nell'udienza di convalida dell'arresto per aver convinto il gip di essersi pentito mentre compiva un furto

Un uomo ha convinto il giudice di essersi pentito per aver provato a rubare all'interno di un'auto ed è stato scarcerato durante l'udienza per la convalida dell'arresto. Per il giudice l'ipotesi di reato, con l'ammissione, sarebbe derubricata da furto a danneggiamento.

Il curioso caso è avvenuto a Torino e ha come protagonista Vincenzo G., 50 anni, pregiudicato con 30 precedenti dal 1980 al 2010. Assistito dall'avvocato Gabriella Vogliotti, l'uomo ha raccontato al gip Rosanna La Rosa di avere realmente intenzione di rubare a bordo di una Fiat Panda parcheggiata non lontano dal centro cittadino, ma che, dopo avere forzato la portiera, aveva cambiato idea prima che la polizia lo arrestasse in flagranza di reato.


Il fatto che l'uomo non avesse addosso nessun oggetto sottratto dalla vettura ha convinto il giudice, che ne ha così disposto la scarcerazione. (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Convince il giudice di essersi pentito mentre rubava, scarcerato

TorinoToday è in caricamento