rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Investì volontariamente una moto e uccise una ragazza: pena leggermente ridotta in appello

L'impianto accusatorio ha retto

Lieve riduzione di pena per Maurizio De Giulio, l'elettricista di Nichelino, oggi 54enne, condannato in primo grado per omicidio volontario aggravato per avere ucciso, travolgendo volontariamente una moto col suo furgone, la 27enne di Moncalieri Elisa Ferrero nel luglio 2017 sull'ex statale 24 a Condove.

Nella sentenza pronunciata oggi, mercoledì 15 luglio 2020, i giudici della Corte d'assise d'appello di Milano, dove si è tenuto il processo, hanno confermato l'impianto della sentenza di primo grado anche se hanno ricosciuto all'imputato le attenuanti generiche equivalenti alle aggravanti. In questo modo la pena è scesa da 15 anni e otto mesi a 14 anni e quattro mesi.

Il caso: la morte di Elisa Ferrero, la moto su cui viaggiava investita volontariamente

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Investì volontariamente una moto e uccise una ragazza: pena leggermente ridotta in appello

TorinoToday è in caricamento