menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alcuni peluche some quelli donati all'insegnante

Alcuni peluche some quelli donati all'insegnante

Fine anno scolastico al veleno, i genitori regalano un peluche a forma di 'cacca' all'insegnante

Il collegio docenti: "Episodio doloroso e increscioso"

All'Istituto Comprensivo Corso Racconigi di Torino l'anno scolastico non si è certo chiuso in bellezza. Che siano lontani i tempi in cui si guardava agli insegnanti con ammirazione e anche un po' di soggezione ormai è assodato ma che si arrivi a mancar loro di rispetto, fortunatamente non succede così spesso. Purtroppo però, nell'Istituto scolastico torinese, si è verificato un episodio che ha lasciato dirigenti e maestri a bocca aperta. "Un evento doloroso e increscioso ci lascia increduli - si legge sulla bacheca Facebook della scuola - Durante uno degli incontri, tre genitori hanno ritenuto di manifestare il loro scontento nei confronti di un docente regalando un peluche a forma di escremento, dichiarando che tale era il valore personale e professionale di quell'indivuduo, ingiuriandolo ed offendendolo, peraltro di fronte ai loro figli e ad altri ragazzi".

Si tratta di uno di quei peluche buffi, a forma di "cacca", che oggi sempre più spesso si vedono in giro e che fanno ridere grandi e piccini. O almeno dovrebbero. In questo caso però la situazione si è rivelata essere imbarazzante, per l'insegnante stesso che l'ha ricevuto ma anche per gli altri che hanno assistito alla scena e che, nell'incredulità, non hanno saputo reagire. Ammesso anche che l'insegnante cui è stato destinato il raffinato regalo non avesse messo d'accordo proprio tutti i genitori con il suo modo di fare, certo "la trovata" davanti alla classe, bambini compresi, è stata tutt'altro che rispettosa. 

"Non basta in questo caso rammentare che l'oltraggio ad un pubblico ufficiale è un reato - scrive ancora il collegio docenti su Facebook - . In giorni di bilancio e riprogettazione, da educatori che siamo, vogliamo ribadire a gran voce che questi gesti superano un limite per noi invalicabile: quello del rispetto. Questa è la traccia educativa sulla quale vogliamo continuare a muoverci, a condividere, a costruire. Mettendoci in discussione ogni volta che sarà necessario, ma sempre rispettando le persone che abbiamo di fronte.

Per questa ragione - si legge in conclusione - esprimiamo totale contrarietà rispetto all'accaduto ed al modello di società che un tale atteggiamento sottende. Non accadano mai più eventi simili fra queste mura".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento