Cronaca

Controlli della polizia postale, allarme pedopornografia e truffe on-line

Nel 2014 sono stati avviati numerosi controlli via web. Da segnalare anche numerosi casi di cyber bullismo e truffe ai danni delle banche

Contrasto ai crimini informatici e monetari, truffe on-line e clonazioni di carte di pagamento, lotta alla pedopornografia on line con individuazione dei minori vittime di abusi. La Polizia Postale di Torino ha reso noto i risultati  della sua attività per l’anno 2014, dati da cui emerge un maggiore impegno sul fronte del contrasto ai crimini informatici e monetari.

Per quanto riguarda la pedopornografia numerose sono state le indagini sottocopertura all’interno di canali chat solitamente utilizzati per lo scambio e la divulgazione di fotografie e video illeciti. I risultati hanno portato a 38 arresti e a 428 denunce per adescamento di minori on line, produzione, diffusione e commercializzazione di materiale pedopornografico. Nel corso dell’anno sono state 229 le denunce ricevute dagli uffici della Specialità per questo reato, 155 gli approcci avvenuti sui social network. Due gli arresti, 9 le persone denunciate, 24 le perquisizion e 380 i siti monitorati.

Per quanto riguarda i crimini informatici è stato attuato un sistematico monitoraggio della rete con riferimento agli spazi web e servizi di comunicazione on-line utilizzati dalle aeree antagoniste. In particolare il compartimento ha gestito 240 denunce per reati informatici ed indagato a piede libero 21 soggetti.

Sul reato di cyber stalking i social network sono stati i  principali luoghi virtuali utilizzati dai responsabili con 318 denunce e 79 persone denunciate. Da segnalare ancora 1025 attacchi informatici nei confronti di servizi internet relativi a siti istituzionali e infrastrutture, 49 intrusioni e accessi abusivi a sistemi informatici relativi a banche e 187 compromissioni da malware.

Sempre viva anche la piaga delle truffe on-line dove nel 2014 si registrano 517 denunce presentate, 265 persone denunciate in stato di libertà e zero arresti. Tra le attività d’indagine più significative è da segnalare un’articolata attività conclusasi con l’identificazione dei componenti di un sodalizio criminale che realizzava truffe su tutto il territorio nazionale in danno di strutture religiose.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli della polizia postale, allarme pedopornografia e truffe on-line

TorinoToday è in caricamento