Il sistema automatico va in tilt: i passaggi a livello restano aperti

Problemi sulle linee per Aosta, Bardonecchia e Milano. I treni accumulano ritardi anche di un'ora e mezza. Le Ferrovie hanno aperto un'inchiesta interna

immagine di repertorio

Emergenza passaggi a livello nel pomeriggio di ieri, lunedì 8 maggio 2017, su alcune linee ferroviarie della provincia.

Le sbarre di alcuni attraversamenti sono rimaste alzate, a causa di un problema tecnico che ha interessato l'intero nodo di Torino, dalle 16.30 alle 18 sulle linee per Bardonecchia, Milano e Aosta.

Dove è accaduto, come ad esempio a Borgone di Susa, Rfi ha messo in campo il proprio personale in modo che segnalasse il problema agli automobilisti. I treni hanno attraversato a passo d'uomo i passaggi a livello rimasti aperti finché il guasto è stato riparato.

Per i passeggeri è stata una giornata difficile, con ritardi che hanno raggiunto anche l'ora e mezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le Ferrovie dello Stato hanno aperto un'indagine interna sull'accaduto.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Mascherine obbligatorie questo fine settimana anche all'aperto, ma solo nei centri abitati

  • Allarme in casa: bambino di 10 anni gravemente ustionato mentre fa un esperimento per la scuola

Torna su
TorinoToday è in caricamento