menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Donna ricoverata d’urgenza, trovato un feto nell'armadio di casa

Indagini in corso, i carabinieri hanno ascoltato il marito 35enne. La mamma ha rischiato di morire

Un parto casalingo finito male. E' l'ipotesi dei carabinieri e della procura di Torino dopo il ricovero, ieri sera, lunedì 4 ottobre, all’ospedale Maria Vittoria, di una donna peruviana di 36 anni a casa di cui, in borgata Cenisia, è stato trovato un feto di otto mesi morto nascosto in un sacchetto di plastica in un armadio.

La donna è stata trasportata in ospedale con un’ambulanza intorno alle 20.30. Aveva una grave forma di emorragia vaginale. Stava rischiando la vita, ma i sanitari l’hanno salvata. Dopo un’accurata visita specialistica i medici hanno avuto la certezza che la donna avesse dato alla luce un figlio poco prima.

E’ stata inoltrata l’apposita segnalazione ai carabinieri che insieme ai vigili fuoco sono entrati nell’appartamento dove abita, in borgata Cenisia. All’interno dell’abitazione, in un armadio è stato ritrovato il feto morto e chiuso in un sacchetto di nylon.

Ora la donna è in ospedale. Il marito, anche lui peruviano di 35 anni, è stato ascoltato dai carabinieri. L'inchiesta è coordinata dal pm Lisa Bergamasco. Si indaga per risalire alle cause della morte del bambino e presto sarà eseguita l’autopsia sul corpo.

La coppia ha altri due figli di cinque e sette anni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento