Parco Dora, al via ad aprile gli interventi di ripristino del lotto Michelin

Ma sono in tutto 17 i lavori previsti nella grande area verde. Dal posizionamento di chioschi e aree giochi per bambini all'installazione di telecamere di sicurezza

La ciminiera che domina il lotto Michelin

Dal prossimo mese partiranno i lavori sull'area Michelin, quel lotto di Parco Dora in Spina 3 che da tempo necessita di vari interventi di ripristino. Dalla fine di febbraio infatti, il Comune di Torino è definitivamente entrato in possesso di questa parte del parco - compresa tra corso Umbria, via Livorno, via Daubrée e il fiume - e gli addetti ai lavori si stanno rimboccando le maniche. Si comincerà da alcune verifiche dei tecnici comunali e dell'Arpa che verranno fatte sul terreno - che a quanto pare ha scarse capacità di drenaggio - e sull'avvallamento che scende verso la Dora.

In seguito si sceglieranno le modalità con cui operare: dalla posa della terra ad alcuni interventi particolari di messa in sicurezza. Bisognerà risolvere anche il problema dell'illuminazione e successivamente si procederà con il resto degli interventi. "Entro un anno - questo assicura Enzo Lavolta, assessore all'Ambiente del Comune - il Parco Dora potrà essere pienamente usufruibile dai cittadini torinesi". Solo i lavori che riguardano il lotto Michelin avranno un costo che si aggira attorno ai 200 mila euro.

Sono in tutto 17 gli interventi previsti sull'area: dal ripristino di alcune zone al collaudo della passerella che collegherà finalmente il lotto Michelin con l'area dello strippaggio oltre il fiume; dal posizionamento di alcuni chioschi di somministrazione di cibo e bevande alla creazione delle aree wi-fi, allestite con arredi urbani. E poi ancora le zone dedicate ai più piccoli. Dietro al Museo A come Ambiente sorgerà la prima area giochi proprio per creare una giusta sinergia tra i bambini, il parco e il museo stesso ma, oltre la Dora, ne sono previste almeno altre due.    

E come risolvere il problema del vandalismo? Questo è perlomeno quello che si chiedono i torinesi che abitano in zona. La sperimentazione con il sistema di illuminazione dotato di telecamere, posizionato sotto la tettoia di strippaggio, terminerà alla fine di marzo e ha dato i suoi frutti. Secondo l'assessore Lavolta infatti gli episodi di vandalismo sarebbero diminuiti ed esisterebbe la volontà di distribuire per tutto il parco, altre telecamere di sicurezza, magari anche sulla grande ciminiera che domina il lotto Michelin. "Il Parco Dora è un'area verde dalle grandi dimensioni - ha dichiarato Lavolta - e ha bisogno di attenzione. E noi vogliamo prendercene cura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

  • Perde il controllo dell'auto, colpisce un'altra macchina e finisce contro il muro: due feriti

Torna su
TorinoToday è in caricamento