Papà tenta di annegare il figlio disabile e poi di uccidersi, un passante li salva

E' accaduto al lago di Viverone, il salvatore è stato colto da un malore

Ha tentato di annegare il figlio disabile di 52 anni nelle acque del lago di Viverone, presso Piverone frazione Anzasco. E solo l’intervento di un passante, di 72 anni, ha evitato il peggio.

L’autore del gesto è un uomo di 76 anni, il papà del ragazzo con problemi mentali. Secondo una prima ricostruzione l’anziano, ammalato, temeva di non riuscire più a prendersi cura del figlio. Così partiti da Bollengo, dove risiedono, papà e figlio si sono recati in gita al lago.

Mentre i due si trovavano in acqua un passante, che stava assistendo alla scena, si è tuffato recuperandoli e portandoli a riva. Il salvatore è stato poi colto da un malore.

Tutti e tre sono stati ricoverati in ospedale. Il figlio e il padre a Ivrea, il soccorritore a Biella. Sul caso indagano i carabinieri. Il padre è stato denunciato ed è sotto stretta sorveglianza, per il timore che possa ritentare il suicidio.

Potrebbe interessarti

  • Come vestirsi ad un matrimonio estivo? Tutti i consigli, dall'abito agli accessori

  • Festival musicali: la guida ai concerti dell'estate 2019 a Torino e in Piemonte

  • Auto sui binari del tram

  • Vuoi diventare una persona mattiniera? 6 consigli per un risveglio al top

I più letti della settimana

  • Scontro tra auto e moto sul rettilineo: morto giovane centauro

  • Violenta grandinata in tutta l'area metropolitana: chicchi di diversi centimetri

  • Moto si scontra con un motocarro: il centauro muore in breve tempo

  • Cade dal balcone di casa: muore appena arrivata in ospedale

  • Due torinesi muoiono in un incidente negli Stati Uniti: investiti da un tir dopo la caduta in moto

  • Trovato morto nella sua auto nei campi: si è sparato un colpo di fucile

Torna su
TorinoToday è in caricamento