Guai per il sindaco appena eletto: avviso di garanzia per falso

Ora rischia processo per due reati

Paolo Montagna, sindaco di Moncalieri

A pochi giorni dal trionfo alle elezioni comunali di settembre 2020, il sindaco Pd di Moncalieri Paolo Montagna ha ricevuto ieri, venerdì 25 settembre 2020, un avviso di garanzia dalla procura di Torino in cui è indagato per il reato di falso. In sostanza, per un precedente reato che gli era stato contestato (accesso abusivo al sistema informatico delle forze dell'ordine in quanto aveva chiesto a una funzionaria del Comune di Torino di controllare i precedenti penali di un cittadino) aveva ottenuto la messa in prova da scontarsi nella protezione civile della sua città e che lo avrebbe portato all'estinzione del reato. Secondo il pm Gianfranco Colace, però, non avrebbe mai prestato questo servizio facendo il sindaco nelle ore che invece avrebbe dovuto passare a fare volontariato.

Non è mai stato trovato il registro su cui la direttrice della protezione civile di Moncalieri, Anna De Luca, avrebbe dovuto tenere traccia del suo operato (cosa che è costata l'iscrizione anche di quest'ultima nel registro degli indagati). I carabinieri in servizio in procura hanno perquisito gli uffici in municipio ma non hanno trovato nulla.

Montagna, che naturalmente è stato subito preso di mira dagli avversari appena sconfitti alle elezioni, ora rischia che la messa in prova sia revocata e, di conseguenza, di essere processato sia per il falso che per il vecchio reato. Non dovrebbe però andare incontro alla decadenza a causa della legge Severino in caso di condanna in primo grado.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In questa fase, ovviamente - scrive Montagna rivolgendosi ai suoi elettori -, capirete che non posso dirvi di più nel merito. Ma so e sapete bene chi sono e quali siano i miei e i nostri valori di riferimento. Per questa ragione, pur nella grande amarezza, sono sereno e sono certo che le indagini della magistratura, di cui come sempre sono a disposizione, sapranno accertare la verità, una verità che io già conosco".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  •  Piemonte, coprifuoco dalle 23 alle 5: firmata l’ordinanza

  • Guerriglia in centro a Torino. Vetrine sfasciate, lanci di bottiglie e bombe carta. Gli agenti rispondono con cariche

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di lunedì 26 ottobre 2020. Boom di ricoveri, ma indice contagio scende

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di domenica 25 ottobre 2020. Tasso di contagio al 18%

  • Domani sera a Torino due manifestazioni contro le limitazioni sul coronavirus

  • Bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti nel weekend. "Rischio di stop definitivo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento