rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca Centro / Piazza San Carlo

Panico in piazza San Carlo: gravi le condizioni di quattro feriti, una è andata in arresto cardiaco

Il bilancio è più pesante delle 1.527 persone diffuse dalle fonti ufficiali: per tutto il giorno la gente ha continuato a presentarsi in ospedale

Sono tutti in condizioni molto gravi: il bambino cinese ricoverato all'ospedale Regina Margherita e le due donne italiane di 26 e 60 anni ricoverate all'ospedale Molinette dopo essere stati travolti dalla folla ieri sera, sabato 3 giugno 2017, nel caos scatenatosi in piazza San Carlo, dove la gente si era riunita per assistere alla finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid su un maxischermo.

Il bambino ha un trauma cranico e toracico. I medici non si sono ancora sbilanciati sul decorso clinico. C'è massima cautela. Il piccolo, ha raccontato la sorella che era con lui a vedere la partita, è rimasto schiacciato sotto le persone che fuggivano ed è stato soccorso da un ragazzo di colore che è riuscito a tirarlo fuori da un gruppo di persone che gli erano cadute addosso.

Alle Molinette ci sono invece una 26enne di Milano e una 60enne di Torino. Quest'ultima, in realtà, era appena uscita da un ristorante delle vie limitrofe alla piazza ed è stata travolta da due ondate di gente impazzita. Entrambe hanno riportato uno schiacciamento toracico e sono nel reparto di rianimazione dell'ospedale.

Un'altra donna italiana, di 38 anni, è ricoverata in condizioni gravi all'ospedale Giovanni Bosco. Ha riportato anche lei uno schiacciamento toracico ed è andata in arresto cardiaco. Il personale sanitario, però, è riuscito a salvarla.

Il bilancio, comunque, dovrebbe essere più grave di quello ufficiale di 1.527 feriti, visto che per tutta la giornata di oggi la gente ha continuato a presentarsi, alla spicciolata, nei vari pronti soccorso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Panico in piazza San Carlo: gravi le condizioni di quattro feriti, una è andata in arresto cardiaco

TorinoToday è in caricamento