Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Campidoglio / Via Rosolino Pilo, 50

Convivenza impossibile tra nomadi e pensionati, il Comune "sfratterà" i rom

Lo spazio è stato inaugurato meno di un anno fa ma dopo le polemiche le famiglie verranno allontanate

E’ polemica sul palazzo dei rom di via Rosolino Pilo 50. Le quattro famiglie che erano state allontanate dalla baraccopoli di lungo Stura - per essere ricollocate temporaneamente in una palazzina di due piani – sono diventate l’incubo dei pensionati del centro d’incontro.

Lo spazio è stato inaugurato meno di un anno fa ma ormai la convivenza pare impossibile. Tanto che a seguito di un intervento del capogruppo della Lega Nord in Sala Rossa, Fabrizio Ricca, anche il Comune è entrato nell’ottica di dover cambiare qualcosa.

“Il rapporto tra le due fazioni - spiega Ricca -, sta creando solo caos. I rom fanno quello che vogliono, bivaccano e usano il cortile come se fosse il loro parcheggio personale”.

In borgata Parella le famiglie rom hanno avuto in dono il primo e il secondo piano della struttura. Ma le cose cambieranno molto presto. “Li trasferiremo entro fine ottobre - ha replicato l’assessore alle Politiche sociali, Sonia Schellino -. Andranno ad Albugnano, comune in provincia di Asti, dove lavora il capofamiglia”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Convivenza impossibile tra nomadi e pensionati, il Comune "sfratterà" i rom

TorinoToday è in caricamento