Da alloggi di lusso al fallimento: triste destino per il Palazzo Lancia

Sarebbe dovuto diventare il gioiello di Borgo San Paolo e invece ora è sotto sequestro da parte della magistratura. L'investimento finito male di una ditta immobiliare segna una triste pagina nel grattacielo ex sede della Lancia

In via Lancia c'è un grattacielo di 16 piani che da sempre attira lo sguardo dei passanti. Una costruzione singolare dalla facciata fatta interamente a specchio, che fino al 1969 è stata sede della casa automobilistica Lancia, sotto proprietà della Fiat. Poi il passaggio, quando ormai il calendario segnava il 2005, a due società immobiliari e nel 2008 infine fu venduto ad un investitore privato, Adriano Ossola, un italiano residente a Montecarlo che aveva il sogno di trasformare il Palazzo Lancia in un edificio di lusso, fatto da uffici e appartamenti per i più esigenti.

Ma la storia negli ultimi anni ha visto il mercato immobiliare crollare a picco. Non si è salvato il grattacielo di Borgo San Paolo, né la ditta di Ossola, la Patio Immobiliare. Dai grandi sogni quest'ultima ha dovuto cedere il passo ad una realtà molto meno sfarzosa e fatta da debiti di diversi milioni di euro che nel 2012 costringe al fallimento.

Eppure l'inizio era stato positivo. In poco tempo, grazie ai cospicui investimenti fatti, i primi cinque piani del Palazzo erano stati venduti e utilizzati come uffici. Poi più nulla. Le grane sono iniziate con la ditta di ascensori, la Schindler, la quale aveva rimodernizzato tutti gli impianti del grattacielo. Lavori fatti, ma mai pagati. Soldi persi anche da alcuni acquirenti che avevano creduto nel progetto versando caparre importanti da diverse migliaia di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il futuro del Palazzo Lancia ora è in mano alla magistratura, la quale ha sottoposto a sequestro la costruzione. I debiti con fornitori, compratori e banche ammonterebbe ad oltre 13 milioni di euro, cifra molto alta che potrebbe essere recuperata con la vendita del grattacielo. Di questo se ne sta occupando il curatore fallimentare, Maurizio Gili, che dopo un'attenta perizia stimerà il valore dell'immobile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Vince il concorso di bellezza pochi mesi dopo che i genitori chiudono l'azienda a causa del lockdown

  • Guardia giurata uccide la ex compagna e poi si suicida, lei lo aveva lasciato da poco

  • Il film porno è girato nel parco cittadino: nuova performance del noto avvocato e di due pornostar torinesi

  • Fantomatico volantino di un (sedicente) papà: "Avete molestato mia figlia, vi sto cercando"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento