menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mandela con la Coppa del Mondo in mano

Mandela con la Coppa del Mondo in mano

Palazzetto dello Sport del Parco Ruffini intitolato a Nelson Mandela

“Torino vuole ricordare così l’uomo che riuscì ad unire il Sudafrica anche attraverso una partita di rugby, perché come disse Mandela, lo sport ha il potere di cambiare il mondo, di unire la gente"

Torino ricorderà Nelson Mandela dedicandogli il Palazzetto dello Sport del Parco Ruffini. Lo ha deciso il sindaco, Piero Fassino, insieme all'assessore comunale alla Sport, Stefano Gallo, che hanno fatto pervenire la richiesta alla Commissione Comunale per la Toponomastica, presieduta da Giovanni Maria Ferraris.

Mandela viene ricordato come l’uomo che attraverso lo sport, ed in particolare il rugby, ha portato il Sudafrica a superare l’apartheid. Per questo la città non gli dedicherà una via o un corso, ma il Palazzetto dello Sport. “Torino, - ha affermato l’Assessore Gallo - la Capitale Europea dello Sport nel 2015, vuole ricordare così l’uomo che riuscì ad unire il Sudafrica anche attraverso una partita di rugby, perché come disse Mandela, lo sport ha il potere di cambiare il mondo, di unire la gente".

Non ci fu solo il rugby come sport nella vita del Premio Nobel, si interessò al pugilato (sport praticato per molti anni), al tennis e al calcio. Proprio a quest'ultimo sport è legata la sua ultima uscita pubblica: nel 2010, quando i Mondiali di calcio si disputarono in Sud Africa, Mandela fece un memorabile giro di campo con la Coppa del Mondo in mano.

"Con lo spirito di aggregazione e di solidarietà che ha contraddistinto la vita di questo grande uomo – ha concluso l’assessore Gallo - intendiamo lavorare affinché la Città possa onorare il titolo di Capitale Europea in ricordo di un grande maestro di sport”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento